Vellutata di Zucca o altre verdure (svuotafrigo)

10 Gennaio 2021 by Katia0
vellutata.jpg

La vellutata di zucca è una ricetta facile, veloce e salutare ricca di caroteni e antiossidanti, vitamine e sali minerali, fibre e poche calorie.  

Ideale per i primi freddi riscalda le sere invernali, ottima con i crostini da provare anche con i ceci, tostati nel forno di casa, in questo modo con l’aggiunta dei legumi diventa un piatto completo dal punto di vista nutrizionale.


Ascolta l’audio ricetta



Difficoltà:


FACILE


Tempo di preparazione:


25 MINUTI



  • INGREDIENTI:
INGREDIENTI:
  • Porro
  • Zucca
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe
  • Spezie
  •  Altri ortaggi di stagione a piacimento o rimanenze
  • Acqua calda
  • Parmigiano o pecorino grattugiato se piace

Per i crostini: 2 fette di pane del giorno prima


  • ATTREZZATURA:
ATTREZZATURA:
  • tagliere
  • coltello da chef o da verdure lama da 18
  • casseruola a bordi alti
  • cucchiaio o spatola di legno
  • frullatore ad immersione (o passaverdure con disco a fori piccoli)

per i crostini: carta forno e leccarda e forno o tostapane


  • PROCEDIMENTO:
PROCEDIMENTO:

Prendete tagliere e coltello e tagliate il porro a rondelle fini (cominciate a tagliarlo dalla parte bianca), tagliate per circa 5 cm ogni porzione, la parte che vi rimane riponetela in frigo, avvolta nella pellicola trasparente, si mantiene più di una settimana.

Accendete il fuoco  sotto la casseruola, versatevi due giri di olio extravergine e metteteci le rondelle di porro a soffriggere.

Nel frattempo che il porro si ammorbidisce lavate e  tagliate a pezzi la zucca con la buccia,  eliminare i semi o tenerli da parte se sono belli, prendete una quantità di zucca equivalente a una grossa mela e tagliatela a fette sottili qualche millimetro, senza scartare la buccia che è commestibile e contiene la maggior parte delle vitamine e sali minerali, aggiungetele nella casseruola le fette di zucca assieme al porro che nel frattempo si sarà stufato.

La zucca rimasta, avvolta nella pellicola trasparente, in frigo si mantiene a lungo.

Mescolate con un cucchiaio di legno e aggiungere se volete altre verdure a piacere, sempre tagliate a pezzetti, come carote, finocchi, cavoli, patate, cipolle, potete approfittare della vellutata per svuotare il frigo delle rimanenze della settimana.

Mentre tagliate le verdure fate attenzione a mescolare regolarmente il contenuto della casseruola sul fuoco per evitare che si bruci, una volta aggiunta tutta  la verdura che avete scelto, continuate a mescolare per altri 2 minuti poi aggiungete tanta acqua calda fino a coprire le verdura, non oltre se volete un vellutata bella densa, e a questo punto lasciate cuocere a fuoco medio per 10/15 minuti.

Nel frattempo potete preparare i crostini accendete il forno a 200 °C  mentre si riscalda tagliate a cubetti le fette di pane, metteteli sopra un foglio di carta da forno sulla leccarda, aggiungete olio e sale e infornate per 5 minuti. I crostini così tostati si possono mantenere in un barattolo di vetro per parecchi giorni.

Nel caso in cui vogliate utilizzare il tostapane, tostate per 2 volte le fette di pane poco prima di servire la vellutata e tagliate le fette a cubetti regolari.

Quando le verdure si sono intenerite frullate tutto con il frullatore ad immersione per un paio di minuti o finché non ottenete una consistenza cremosa ed omogenea.

Aggiungete sale, pepe, spezie a piacere e un altro giro di olio extravergine di oliva, assaggiate e correggete di sale se occorre.

Servite la vellutata con i crostini di pane e se gradite una spolverata di parmigiano o pecorino grattato.

Se la vellutata è risultata abbondante, potete mantenerla in frigorifero per un qualche giorno oppure una volta raffreddata potete conservarla in freezer già suddivisa in porzioni, in contenitori adatti o in sacchetti sottovuoto.

Non mi rimane altro che auguravi buon appetito.

Alla prossima  ricetta

KatiaCheffa



Le materie prime

La Zucca


Alla zucca vengono riconosciute proprietà antiossidanti, antinfiammatorie diuretiche e calmanti.

Il greco Dioscoride e Plinio il Vecchio definirono la zucca “refrigerio della vita umana, balsamo dei guai” anche se non si riferivano alle zucche arancioni che utilizziamo prevalentemente oggi (genere Cucurbita), che provengono dal continente americano (fonte Wikipedia)

  • Calorie: 100 g di zucca contengono 29 kcal / 77 kj
  • Minerali: calcio, fosforo, ferro
  • Vitamine: B1, B2,B3, C, A

Tabella nutrizionale

Fonte AlimentiNutrizione Centro di ricerca CREA-Alimenti e Nutrizione